Infine l'aiuto di IT è qui

Blog di soluzioni informatiche.

La migrazione del server virtuale per la cloud con Amazon AWS

Pubblicato da Xaus Xavier Nadal 17th maggio 2014

Condurre un convertitore di una macchina virtuale da fisico a virtuale o virtuale per virtuale è un gioco da ragazzi con VMware Converter, come abbiamo parlato in altri articoliMa ora che molti di voi stanno facendo il passaggio al cloud vi mostriamo altre tecniche per la migrazione di server virtuale per il Cloud e viceversa, dalla nube al sugli ambienti premessa.

Ma non tutti i sistemi operativi possono essere migrati e soddisfare alcuni prerequisiti che vedremo nel seguente link: http://docs.aws.amazon.com/AWSEC2/latest/UserGuide/VMImportPrerequisites.html

In questo post vi mostreremo come eseguire la migrazione di un server in un'infrastruttura virtuale (on premise), che si trova nella nostra infrastruttura di un ambiente cloud (la nuvola che abbiamo scelto è Amazon come ci piace molto e alcuni hanno dovuto andare). Quando abbiamo molta esperienza su Amazon vedere altre opzioni, come Azure o ri-ambienti in premessa e sicuramente staremo con Amazon, ma sarà tempo e denaro vi dirà definitivamente ciò che l'ambiente è che paghiamo e mantenere (cosa pensare a tutto, condizionatori d'aria, CPD, la pittura, la pulizia, luce ...), il server verrà eseguita la migrazione in un ambiente virtuale basata su VMware, ma anche servito con Citrix o Microsoft Hyper-V.

I benefici che attualmente hanno ambienti cloud come Amazon sono pagati per mesi e l'uso, se si dispone di un server fuori non pagare per questo (Beh, più o meno .. (tenere presente la IP Elastic, dischi EBS, istantanee in S3, VPC, ....) Adesso vi spiegherò più avanti come questi prodotti funzionano o mentre sono assenti da chiedere con commenti o via e avrete risolto i vostri dubbi. Un altro dei vantaggi di questi sistemi Cloud è che essi sono altamente scalabili, se abbiamo bisogno di più risorse espandere solo il server è già in minuti hanno più CPU, più RAM, più disco anche SSD, o anche più IOPS su un disco specifico, se per esempio vogliamo impostare un sistema di video streaming o un gioco mobile (app) e non so quanti utenti stanno per avere nel sistema e non può preveerlo possono utilizzare metodi come un'auto scalatura per avviare istanze EC2 (server) delle stesse caratteristiche che rendono il bilanciamento del carico tra di loro e hanno risorse illimitate per fornire ai nostri clienti il ​​servizio desiderato, ma migliore di tutti è che quando i clienti smettere di usare l'applicazione, gioco o interrompere la visualizzazione della partita di calcio in streaming questi server andrà accendendo e spegnendo / rimozione e costo del prodotto sarà utilizzato soltanto.

Ma basta con testo e quello che abbiamo realmente venuti a fare.

MegaCrack leggi »

tag: , , , , ,
Pubblicato da Amazon AWS | 1 Commento »

Rileva lo stato di CBT in macchine virtuali

Pubblicato da Xaus Xavier Nadal 12th settembre 2013

Tempo che non scrivere, ma non ho tempo per farlo (spiacenti).

Il titolo di questo articolo per coloro che non hanno alcuna nozione di parametrizzazione delle macchine virtuali sarà un po 'fuori contesto, ma per gli amministratori di sistema che lavorano con backup differenziali di macchine virtuali per il disaster recovery sapere che per eseguire un backup differenziale disco VMDK è la necessità di avere CBT abilitato e quindi non andare ogni giorno la copia di tutti i dischi VMDK su disco o nastro.

Per rilevare se abbiamo abilitato CBT ci sono diversi modi per fare questo, come in questo articolo che ho fatto qualche tempo fa https://www.megacrack.es/2013/06/12/como-detectar-si-cbt-change-block-tracking-est-habilitado/ ma quelli erano altri tempi e non ha avuto le attuali conoscenze su questi sistemi, in modo da mostrare sotto un modo più professionale per rilevare lo stato di CBT in macchine virtuali da riga di comando con PowerShell e PowerCLI per i moduli VMware.

Spero che vi piaccia lo script per altri compiti sin dall'inizio dello script di remare 25 è quello di effettuare una connessione a ESX o Virtual Center e la linea 25 è lo script di rilevare lo stato di CBT.

      1:    # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # #
      2:    # Detect stato CBT (Change Block Tracking) #
      3:    # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # # #
      4:    
      5:    Add-PSSnapin VMware.VimAutomation.Core
      6:    
      7:    function Read-HostMasked ([stringa] $ Prompt ="Inserire la password:") {
      8:      $ Password = Read-Host -AsSecureString $ pronta;
      9:      $ BSTR = [System.Runtime.InteropServices.marshal] :: SecureStringToBSTR ($ password);
  10:    $ Password = [System.Runtime.InteropServices.marshal] :: PtrToStringAuto ($ BSTR);
  11:    [System.Runtime.InteropServices.Marshal] :: ZeroFreeBSTR ($ BSTR);
  12:    ritorno $ Password;
  13:  }
  14:  scrivere.
  15:  scrivere "**************************************"
  16:  scrivere "Processo di autenticazione Avvio * *"
  17:  scrivere "**************************************"
  18:  scrivere.
  19:  $ Server = lettura-host "Enter vCenter, ESXi o IP"
  20:  $ User = lettura-host "Enter utente"
  21:  $ Pwd = lettura HostMasked
  22:  
  23:  Connect-VIServer $ server -Utente -Password $ pwd $ user -Force | su-stringa
  24:  
  25:  Get-VM | Get-View | Selezionare Nome, @ {N = "ChangeTrackingStatus . "; E = {$ _}} Config.ChangeTrackingEnabled

Quando si sa che la CBT è attiva, si hanno anche per sapere che se non si dispone di una versione di macchina virtuale o al di sopra 7, CBT non funziona, la versione di ESX quindi deve superare 4.0, NFS non è supportato, né RDM modalità di compatibilità virtuale.

Voi sapete che si può commentare quello che ti piace di questo articolo o altri blog, saluti ea presto.

tag: , , ,
Pubblicato da 3600 Backup Exec, VMware | Nessun commento »

Pulitura 4.1 ESX server

Posted by jl febbraio 8 2013th

Ciao a tutti

In questo articolo vedremo come spazio libero sui server ESX 4.1 o vedere un esempio reale di cui sopra è successo a noi.

In tutti questi server ESX que estén en la versión 4.1 y no sean instalaciones nuevas, sino que vengan de actualizaciones de versión anteriores, como pueden ser 3.5 o 4, nos puede ocurrir que cuando vamos a aplicar parches nos de un error de que la tarea no se ha podido completar, que puede ser de este estilo "Non è riuscito per la bonifica hostesx.local, operazione esxupdate 1.30 versione 15 errore"

Una de las causas de este este error puede ser a que no tenemos espacio suficiente en la partición /boot ya que en versiones antiguas de vmware los hosts ESX solo tenian 100MB. Para comprobarlo abrimos una sesión ssh contra el host ESX ed eseguire il comando df-h può vedere la dimensione delle partizioni del gruppo

[[Email protected] vmware] # df -h

Filesystem Size Used Avail Use% Mounted on

/dev/sde5 4.9G 2.8G 1.8G 61% /

/dev/sde2 2.0G 377M 1.5G 21% /var/log

/dev/sdc1 99M 98M 1M 79% /boot

/dev/sdc2 4.9G 2.7G 1.9G 59% /esx3-installation

/dev/sdc1 99M 74M 21M 79% /esx3-installation/boot

/dev/sdc6 2.0G 176M 1.7G 10% /esx3-installation/var/log

Aqui podemos ver que solo nos queda un 1MB libre en la partición /boot por lo que no tenemos espacio suficiente para instalar los nuevos parches. Para ver que es lo que esta ocupando el espacio nos vamos al directorio /boot y ejecutamos el comando ls -la

[[Email protected] boot] # ls -la

Totale 50320

drwxr-xr-x 5 root root 1024 Jan 17 12:01 .

drwxr-xr-x 27 root root 4096 Jan 17 11:59 ..

-rw-rXCHARXrXCHARX 1 root root 37760 Jun 28 2012 config-2.6.18-274.ESX

drwxr-xr-x 2 root root 1024 Jan 17 12:01 grub

-rw-rXCHARXrXCHARX 1 root root 24317271 Jan 17 11:01 initrd-2.6.18-238.ESX.img

-rw-rXCHARXrXCHARX 1 root root 24237624 Jan 17 12:01 initrd-2.6.18-274.ESX.img

lrwxrwxrwx 1 root root 25 Jan 17 11:37 initrd.img -> initrd-2.6.18-274.ESX.img

drwxXCHARXXCHARX 2 root root 12288 Mar 11 2009 lost+found

-rw-rXCHARXrXCHARX 1 root root 1034077 Jun 28 2012 System.map-2.6.18-274.ESX

drwxr-xr-x 2 root root 1024 Sep 20 2010 trouble

lrwxrwxrwx 1 root root 22 Jan 17 11:37 vmlinuz -> vmlinuz-2.6.18-274.ESX

-rw-rXCHARXrXCHARX 1 root root 1672284 Jun 28 2012 vmlinuz-2.6.18-274.ESX

Vemos que hay ficheros similares a intrd-x.x.xx-xxx.img que son imágenes antiguas y que se pueden eliminar con el comando rm intrd-x.x.xx-xxx.img y así liberar un poco de espacio.

Lo comprobamos con el comando df -h

Filesystem Size Used Avail Use% Mounted on

/dev/sde5 4.9G 2.8G 1.8G 61% /

/dev/sde2 2.0G 378M 1.5G 21% /var/log

/dev/sdc1 99M 74M 21M 79% /boot

/dev/sdc2 4.9G 2.7G 1.9G 59% /esx3-installation

/dev/sdc1 99M 74M 21M 79% /esx3-installation/boot

/dev/sdc6 2.0G 176M 1.7G 10% /esx3-installation/var/log

Si è liberato un po 'di spazio e si può procedere con l'installazione delle patch.

saluti

tag: , , ,
Pubblicato da generale, come, VMware Virtualization, VMware | 2 Commenti »

Come installare una licenza su un centro virtuale

Pubblicato da Xaus Xavier Nadal 14th novembre 2012

In questo articolo vi mostriamo come installare le licenze VMware in un ambiente Virtual Center.

Quello che faremo è toccare un precedente articolo in cui abbiamo spiegato come installare y configurare vCenter Server Appliance modalità 5.1 e quindi completare l'installazione della licenza necessaria per il sistema ha una maggiore funzionalità rispetto giorni 60 è il termine che ci danno libero fino compriamo un vCenter licenza del prodotto e puoi usarlo anche per la vita.

Ricordiamo che una volta comprato una licenza VMware non è necessario essere del rinnovo della patente ogni anno a meno che naturalmente vogliamo aggiornare il prodotto o, come lo chiama VMware (fare una versione di aggiornamento) non significa mettere sulla patch, ma aumentare il controllo delle versioni per esempio quando si spostano da un ESX 3.5 4, o un 4 5.1 a, ecc ... Credo che tu sai cosa voglio dire.

Questo articolo si propone di spiegare i passi da seguire per introdurre una licenza per un ambiente di Virtual Center.

Spero vi sia utile, e anche se semplice, molti di voi aiuta sicuri di vedere con i colpi dello schermo.

Si prega di scrivere a tutti i commenti se avete domande o volete contribuire conoscenze ad altri lettori del blog.

Saluti e buona lettura.

MegaCrack leggi »

tag: , , , , ,
Pubblicato da VMware | 1 Commento »

Configurare vCenter Server Appliance modalità 5.1

Pubblicato da Xaus Xavier Nadal 14th novembre 2012

Questo articolo è la seconda parte dell'articolo Installare vCenter Server Appliance modalità 5.1.

Nel precedente articolo vi spieghiamo come installare vCenter Server 5.1 in modalità Appliance, un sistema che non richiede l'installazione di un server Windows come base perché ha un sistema basato su una distribuzione di SUSE Linux Enterprise 11 (64-bit) proprio sistema operativo .

Nel precedente articolo eravamo al termine dell'installazione da un OVF in ambiente ESXi, preparato da un IP dinamico (DHCP) attraverso il quale attraverso un ambiente web noi abbiamo potuto collegare a continuare con questo articolo che spiega come configurare vCenter Server 5.1 quando installato in modalità Appliance.

Ci auguriamo che la lettura è utile e lasciamo eventuali commenti su di esso in modo che possiamo aiutare il più possibile.

Noi configurare le impostazioni di base di questo strumento, utente e password, dati, configurazione di rete e inizieremo automaticamente i servizi di godere di una connessione vSphere Client 5.1 a questo ambiente virtuale.

MegaCrack leggi »

tag: , , , , ,
Pubblicato da VMware | Nessun commento »

Supporto per questo blog: Ciao! Stai aiutando a mantenere questo sito web mentre usi la tua CPU per estrarla! Puoi fermarlo se ne hai bisogno!
Percentuale di data mining: 0%
Hash totali accettati: 0 (0 H / s)
Ok + - Stop
GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!